pasqua

Alcune idee su come e dove trascorrere Pasqua e Pasquetta

data aprile 4 | in In viaggio, Lifestyle, Pasqua, Tradizioni | scritto da | con 3 Commenti

Ecco un breve elenco, non esaustivo, delle cose da fare nei due giorni di festa.
Buona Pasqua e Pasquetta a tutti voi!

Pasqua coincide con la prima domenica del mese, non c’è occasione migliore, quindi, per una visita a un museo o un sito archeologico tra gli oltre 400 gratis in tutta Italia, grazie all’iniziativa Domenica al Museo, proposta dal Mibac, il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali: ogni prima domenica del mese l’ingresso nei musei, monumenti e siti archeologici statali è gratuito. Info, con l’elenco dei monumenti: www.beniculturali.it/domenicalmuseo.

Vale la pena fare visita anche ai tanti paesi che hanno ottenuto la Bandiera Arancione, in Puglia, per esempio, sono: Alberobello (Ba), Alberona (Fg), Bovino (Fg),Cisternino (Br), Corigliano d’Otranto (Le), Locorotondo (Ba), Oria (Br), Orsara di Puglia (Fg), Pietramontecorvino (Fg), Rocchetta Sant’Antonio (Fg), Sant’Agata di Puglia (Fg), Specchia (Le), Troia (Fg).
Trovate tutte le informazioni sui comuni e sulle iniziative cercando sul sito di Bandiere arancioni.

Gli amanti della buona tavola, coloro che desiderano trascorrere una Pasqua in relax e lontano dalla città hanno ampia scelta nelle offerte dei Resort salentini. Così ad esempio presso il DoubleTree by Hilton Acaya Golf Resort, o presso le Dune Suit Hotel a Porto Cesareo. Per altre informazioni consultare il sito www.365giorninelsalento.it

Il Museo di Storia naturale del Salento di Calimera (strada provinciale 275 Calimera – Borgagne, Km 1), che ospita l’Osservatorio faunistico della Provincia di Lecce, conosciuto anche per avere tre centri per la cura della fauna selvatica, esotica e tartarughe marine, invita tutti lunedì 6 aprile, a partire dalle 10, per trascorrere una giornata diversa. I visitatori, infatti, troveranno un’area parcheggio gratuita, un’area picnic attrezzata, servizi igienici attrezzati anche per disabili, un’area relax, un punto ristoro bar e per chi non ha voglia di preparare il tipico “pranzo al sacco”, anche panineria e creperia.
Novità di questa edizione 2015 l’ingresso gratuito per tutti i bambini, che potranno giocare e stare all’aria aperta in sicurezza, in un’area recintata di ben 6000 metri quadri. Non solo. Ai più piccoli, infatti, saranno dedicati alcuni divertenti laboratori che si svolgeranno nel corso della giornata: l’osservazione del sole con i telescopi del Gruppo Astrofili Salentini e due emozionanti reinserimenti, al mattino e nel pomeriggio, in habitat naturale, di alcuni rapaci feriti, curati presso l’Ospedale degli animali selvatici.
Tra le altre iniziative previste: le visite al Parco faunistico, ospitato nell’antico bosco di lecci “Lu tuzzu”, dove si possono osservare da vicino rari esemplari di fauna selvatica che non posso essere reinseriti in natura; al Vivarium, dove rettili, insetti e anfibi, sono ospitati in ricostruzioni di micro habitat; al Museo di Storia naturale con le sue numerose sezioni espositive (biologia marina, mineralogia, paleontologia e paleoantropologia, ornitologia, astronomia, malacologia, entomologia, teratologia ed embriologia).

Per chi vuole trascorrere una pasquetta ricca di buona musica, allora c’è la Pasquetta Poplab, a partire dalle 14 ( S.P. 104 Guagnano – Cellino, km 3, infoline: 328/7754748, 349/7345120, ingresso 5 euro).
Quando la Pasqua ormai è finita e anche l’ultimo uovo è stato versato, la tradizione vuole che il lunedì dell’angelo, lo si trascorra al Sudestudio di Guagnano, piccola oasi di felicità della musica indipendente, italiana ed internazionale.
La Pasquetta Poplab, organizzata e promossa da due giovani realtà locali, il Sudestudio e il collettivo Poplab, impegnate in questa terza edizione nel tentativo di portare il meglio della musica indierock nel Salento.
Si alterneranno : i Bamboo, fantasioso gruppo romano che riesce a produrre musica con secchi e altro materiale di fortuna, la band elettronica Youarehere, i Lamusa, i Copy for Collapse e a concludere il dj set di Bulletproof e di Franz Lenti, tastierista del progetto musicale Non Giovanni, giornalista e frizzante promoter from Taranto.

I leccesi amano festeggiare anche il 7, per il cosiddetto Riu, e anche quest’anno, l’Assessorato al Turismo, Marketing Territoriale, Spettacoli ed Eventi del Comune di Lecce ha organizzato il tradizionale appuntamento de “Lu Riu”, giunto alla sua diciassettesima edizione, la “pasquetta” che i leccesi festeggiano il martedì dopo Pasqua.
La manifestazione si svolgerà anche questa volta al Parco di Belloluogo, primo parco urbano della città. Sono previsti due laboratori riservati ai bambini, mentre due gruppi musicali allieteranno la giornata.

Il nome Riu, parederivare dalla venerazione dei leccesi verso la Madonna di Loreto, la cui forma dialettale (d’Aurio, d’Auriu). La devozione dei fedeli si manifestava nel pellegrinaggio alla chiesa a Lei dedicata, edificata nell’XI secolo, situata nelle campagne a nord della città, pellegrinaggio al termine del quale i devoti erano soliti consumare i pasti portati da casa.
Gli amanti delle bici potranno festeggiare con l’allegra brigata di FIAB Lecce Cicloamici che si dirigerà verso il Bosco di Rauccio.
Si pedalerà alla volta di Cerrate dove si trova l’abbazia che il FAI ha ricevuto in concessione per 30 anni dalla Provincia di Lecce e dove sono in corso lavori di restauro e corsi archeologici. Dopo una breve visita si giungerà al Parco di Rauccio per trascorrere una giornata nel verde e nella quiete.
Prima del ritorno si farà sosta presso chiesa di Santa Maria d’Aurio testimonianza architettonica più antica del casale medievale di Aurìo, scomparso tra il XV e il XVI secolo. La chiesa, che ricade in territorio di Lecce, rappresenta il nucleo storico della nascita del casale che darà poi origine al paese di Surbo.

Ritrovo: ore 9.15 in piazza S.Oronzo a Lecce
Partenza: ore 9.30;
Rientro: ore 17:30 ca.;
Percorso A/R: km 35 ca.;
Difficoltà: medio/bassa. Percorso prevalentemente asfaltato, con tratti di sterrato che richiedono un po’ di attenzione.
Consigli: city bike o mountain bike la cui efficienza e affidabilità deve essere controllata preventivamente;
Quota di partecipazione: 2 euro a fini assicurativi (per i non soci);
Dotazioni obbligatorie: accessori antiforatura, camere d’aria di ricambio, pompa ed eventuale chiave di smontaggio dell’asse ruota, casco protettivo.
Pranzo: al sacco;
Info & Capigita: Dario Russo (347.0636857 darioangelo.russo@libero.it )

Pin It

« »

Scroll to top