image

La Lecce degli anni Settanta: in un libro le foto di un decennio intenso

data dicembre 17 | in Associazioni, Cultura, Libri, Lifestyle, Luoghi | scritto da | con 3 Commenti

Ci sono le immagini dell’Upim, della goliardia degli universitari, dei comizi politici in piazza e anche quelle degli scontri tra fazioni opposte. Momenti resi immortali negli scatti di fotografi dell’epoca che ora sono racchiusi e custoditi, come in uno scrigno di oggetti preziosi, in un libro “Lecce nuovissima. La città degli anni Settanta” di Michele Mainardi (Edizioni Grifo).
Il libro è un racconto per immagini di Lecce negli anni ’70, una città sospesa tra la vita quotidiana e i grandi cambiamenti storico-politici di un decennio; tra la spinta alla crescita economica e urbanistica e i suoi legami con il passato.
Un lavoro enorme, “opera di puro artigianato” come dichiara l’autore, con 256 pagine e 790 foto raccontate con dovizia nelle didascalie e verrà presentato per la prima volta questa sera alle 19,30 presso la Galleria Foresta, a Lecce. L’autore sarà introdotto da Alfredo Foresta, presidente della Galleria; interverranno il presidente del Collegio dei geometri di Lecce Eugenio Rizzo, il giornalista Federico Cartelli e l’architetto Toto Mininanni; modererà la giornalista Giorgia Salicandro.

“È il libro più bello della mia vita – racconta l’autore Michele Mainardi, docente di Geografia economica e interessato di storia del paesaggio e del territorio – anche perché rivedo anni che ho vissuto in prima persona. il lavoro è la continuazione del testo “La città nuova” in cui mi sono occupato degli anni ’50 e ’60, la particolarità è che per la prima volta si parla di un decennio così ricco e controverso come quello degli anni ’70. Ho lavorato per mesi alla ricerca di materiale, sono riuscito ad entrare negli archivi fotografici privati che per la prima volta hanno messo a disposizione gli scatti. E poi c’è stato il notevole contributo della casa editrice che ha sviluppato le foto in negativo, pulito e sistemato le altre. Rispetto ai decenni passati non è stato semplice recuperare le foto, ma sono stato fortunato anche ad imbattermi nell’archivio del fotografo leccese, Pino Carlino, acquistato da un amico che mi ha messo a disposizione circa 250 foto”.
Il volume è unico nel panorama degli studi sulla città e ne ritrae ogni sua parte, dal quartiere “167” a Via del Mare, l’area Mazzini, e le zone della Circonvallazione; ed ancora i balli delle matricole, i passeggi dello “struscio”, e le varie occasioni festaiole.

“Ciò che emerge dalle foto è una Lecce tutto sommato positiva, che aveva voglia di vivere. Le foto ritraggono la moda del tempo, i capelloni, le minigonne; ci riportano uno spaccato socio-urbanistico a 360 gradi. Ci sono le salumerie di un tempo e le goliardie dei ragazzi universitari in piazza Mazzini, intenti a sbeffeggiare la società bacchettona. C’è anche una foto di un comizio di Almirante in piazza e anche di scontri. C’è un capitolo che contestualizza la società italiana e poi uno sulla città che si trasforma. Il lavoro finale mi ha sorpreso molto e credo che succederà a tutti coloro che possono riconoscersi in quegli anni. Ammetto che guardo con nostalgia quel periodo, ho scritto il libro con maggiore partecipazione, perché ho vissuto in prima persona ogni cosa”.

 

 

L’appuntamento fa parte del programma culturale della Galleria Francesco Foresta, finanziato nell’ambito di “Lecce Capitale italiana 2015”.
“Nel tempo infinito della storia globale, caratterizzata dai grandi eventi, le storie minori spesso vengono dimenticate o sfociano nel folclore popolare – dichiara Alfredo Foresta – in realtà̀ rappresentano l’appartenenza, qualificano un’identità̀ che diventa la storia di una comunità̀. Il recupero della memoria è quindi un atto dovuto nei confronti delle nuove generazioni, sempre più̀ proiettate verso il futuro nell’incertezza del proprio passato. È una consuetudine storica che materializza la staffetta generazionale tra nonno e nipote, tra padre e figlio, in un rimando che scandisce il tempo, garantisce la continuità̀”.

 

la Galleria Foresta

image

image

Pin It

« »

Scroll to top