tartaruga 2

Quattro tartarughe ritrovano la libertà nel mare di Torre Vado

data agosto 28 | in Natura | scritto da | con 0 Commenti

Un tuffo verso la libertà per quattro tartarughe Caretta Caretta. Sono state liberate in mare i quattro esemplari trovati sulle spiagge del Salento e curate dal Centro emergenza tartarughe di Calimera. I loro nomi: Marino, Biscottina, Martino e Mergellina.

Il momento dell’ingresso in mare è stato seguito da centinaia di curiosi arrivati in spiaggia per immortalare il momento. “Erano state trovate da piccole, spiaggiate lungo il litorale salentino. Alcune sono state trovate proprio da pescatori di Torre Vado – afferma Sandro Panzera, del Centro emergenza tartarughe marine di Calimera – sono state portate nel nostro centro per le prime cure, successivamente sono state inviate a Napoli presso la stazione zoologica dove hanno proseguito con il percorso di riabilitazione, infine ci sono state riconsegnate per poterle liberare”. Le quattro sono state tutte marcate, in modo da riuscire in futuro ad identificarle.

Le tartarughe sono state portate in spiaggia in delle grandi vasche, poi, ad una ad una sono state lasciate sulla riva. La prima ha esitato un po’ prima di tuffarsi, le altre non hanno perso tempo. Il pubblico ha accompagnato con incitazioni e ovazioni l’ingresso in mare. Al largo c’erano una nave della Guardia di Finanza di Gallipoli e una della Capitaneria di porto di Santa Maria di Leuca. Tartarughe libere, ma la sfida più dura per loro adesso è non correre rischi. “Le condizioni che le hanno portate a piaggiare la prima volta potrebbero ripetersi – continua Panzera – e tra i rischi che corrono potrebbero ingerire gli ami, o le buste di plastica che scambiano per meduse, o potrebbero essere ferite dalle imbarcazioni”. In prima linea l’amministrazione comunale di Morciano di Leuca, che ha ringraziato tutti coloro che hanno contribuito a salvare le tartarughe.

Pin It

« »

Scroll to top