image

“Solutions 2.0 oriented for young citizens” il progetto che rende protagonisti 100 studenti salentini

data marzo 2 | in Idee, Istituzioni | scritto da | con 1 Commento

La Provincia di Lecce lancia un nuovo progetto dedicato ai giovani, finalizzato a rafforzare il legame con la Pubblica Amministrazione, sfruttando le potenzialità offerte dalle nuove tecnologie. Si chiama “Solutions 2.0 oriented for young citizens” e vedrà come protagonisti 100 studenti circa provenienti da 12 Istituti di istruzione secondaria superiore del Salento.

Promossa dall’Unione delle Province d’Italia, finanziato dall’Agenzia Nazionale per i Giovani e sviluppato da CTS di Lecce e Innovamenti, l’iniziativa parte dalla consapevolezza che il coinvolgimento dei giovani nei processi partecipativi può rappresentare un’importante occasione di cittadinanza attiva per le giovani generazioni, oltre che un valido strumento per l’approfondimento della conoscenza del territorio e per la promozione dello spirito di appartenenza.

L’obiettivo specifico di “Solutions 2.0 oriented for young citizens” è ideare e realizzare un’APP per dispositivi mobili che i giovani studenti potranno utilizzare come canale diretto di collaborazione attiva con l’Amministrazione provinciale per segnalare in tempo reale eventuali problematiche urbane, disagi e disservizi presenti sul territorio.

Il progetto prevede una serie di seminari formativi e workshop di apprendimento pratico, tenuti da esperti di Internet technology e youth worker nelle 12 scuole aderenti: “Costa- Galilei”, Istituto “Siciliani”, “Scarambone” e “Antonietta De Pace” di Lecce, “La Porta” di Galatina, “Vanoni” di Nardò, ITI “Mattei”, Liceo classico “Capece” e “La Noce” di Maglie, ex Liceo Classico di Casarano, “Giannelli” di Parabita, “Meucci” di Casarano, “Don Tonino Bello” di Tricase.

Gli incontri partiranno il 10 marzo prossimo a Maglie e l’11 marzo a Lecce, per proseguire il 20 e il 26 marzo a Maglie, il 21 e il 27 marzo nelle scuole del Capoluogo salentino.
Inoltre, in una fase successiva, saranno programmati incontri per testare l’APP e farla diventare uno strumento tecnologico utile nel dialogo con l’Amministrazione Provinciale nelle questioni inerenti la gestione dei beni pubblici. La selezione degli studenti avverrà in collaborazione con i singoli Istituti e terrà conto del senso di appartenenza alla comunità locale, della propensione alla progettazione partecipata, della spiccata attitudine all’utilizzo di internet e di strumenti social con vari supporti tecnologici da parte degli allievi chiamati a partecipare al gruppo target.

Pin It

« »

Scroll to top